Biblioteca digitale dell'Accademia della Crusca
|
Salta la navigazione
|
Nuova ricerca |  Nuova ricerca avanzata | Lista opere |  Registrati

 Questione della lingua e lessicografia tra Cinquecento e Settecento 

 

 

 La terza fase 

Pi¨ tardi Gigli nel Vocabolario cateriniano ricorderÓ i conflitti della generazione precedente paragonandola a "uccelli di gabbia; o vogliam dire cani messi alla catena", i quali "talora dimenarono la coda al linguaggio Fiorentino nuovo padrone, talora si posero ad abbajargli".
All'attardata polemica del Gigli contro la "Compagnia infarinata" fa da contrappunto la pacata erudizione degli scritti linguistici di Uberto Benvoglienti: il classicismo toscanista del Dialogo della volgar lingua, mentre ricollega gli epigoni della Scuola alle discussioni di primo Cinquecento, disancora le riflessioni senesi dall'angusta prospettiva municipale e le rilancia, anche attraverso i contatti dell'autore con intellettuali del calibro del Muratori e del Fontanini, sul pi¨ aperto orizzonte del dibattito settecentesco sulla lingua nazionale.


Indietro


©2010-2011 ACCADEMIA DELLA CRUSCA - vietato riprodurre senza autorizzazione testi e immagini